Sono i due volti famosi di Power Rangers, film in arrivo il prossimo 6 aprile. Stiamo parlando di Elizabeth Banks e Bryan Cranston che hanno prestato i loro corpi per dare vita a due personaggi iconici della saga: la malvagia Rita Repulsa e il potente Zordon, da millenni impegnati in una battaglia per la distruzione o la salvezza della galassia. Scopri con noi perché si sono lanciati in questa fantastica avventura.

Elizabeth Banks: in verde contro i Power Rangers

Non si è certo trovata a disagio nel suo primo ruolo da antagonista, anzi. Elizabeth Banks ha mostrato i denti, e delle notevoli unghie, nel portare questo personaggio sul grande schermo e nel farlo si è divertita alla grande: “ È stato davvero divertente potersi lasciare andare completamente. Rita Repulsa è stata interpretata da diverse attrici, ma ognuna di loro ha mantenuto la stessa sensibilità: molto aperta, maliziosa, con questa fragorosa risata, l’enorme parrucca e il folle costume. Volevamo mantenere il senso di tutto ciò, non l’aspetto estetico ma piuttosto il suo carattere appariscente ed eccessivo, sempre aggressiva, sfrontata e determinata a vincere. È quell’atteggiamento che abbiamo provato a riportare sul grande schermo.”

Elizabeth Banks aveva vent’anni all’uscita della serie originale ma ha parlato di come il suo fratello minore ne fosse letteralmente ossessionato, cosa che le ha fatto comunque vedere e conoscere il fenomeno già allora. Adesso invece è ben consapevole della storia dei Power Rangers, non solo perché ha partecipato al film, ma anche perché ha due piccoli Power Ranger in casa, uno Rosso e uno Blu: i suoi due figli, Felix e Magnus.

“Sono cresciuta con film come Goonies dove la squadra, il team era al centro della narrazione. Il bello di Power Ranger è poter combattere i nemici con i propri amici, questo è ciò che significa essere giovani”.

E a proposito del futuro del suo personaggio la Banks è stata chiara: “spero soltanto che gli spettatori si divertano, in particolare i giovani perché credo che il film parli personalmente a loro. Mi sono divertita molto nel ruolo, amo il cast e tutto l’ambiente e sono dunque a disposizione… ma circa il mio futuro nel franchise, non so nulla: non prevedo le cose!”

Bryan Cranston: ritorno alle origini

Con questo ruolo Bryan Cranston arriva a concludere un circolo della sua carriera: agli inizi infatti aveva lavorato come doppiatore nella serie originale e ora ritorna, da attore famoso, ad interpretare nuovamente un ruolo nel film: “Avevo un lavoro! Doppiare alcuni dialoghi dal giapponese all’inglese. Ero davvero felice di averlo ed è stato anche un modo per poter imparare a veicolare le emozioni unicamente con la voce”.

Un ritorno alle origini vero e proprio poiché Cranston, che interpreta Zordon, il mentore dei Power Ranger, lavora quasi unicamente con la sua voce e il volto ricostruito in computer grafica sugli schermi alieni del centro di comando.

“Zordon è imprigionato nel centro di comando, è confinato dentro le sue mura. Il suo modo di materializzarsi è quello di uscire letteralmente da queste mura. Inizialmente è disilluso e non crede che i giovani riusciranno a sconfiggere Rita e che questa sarà la fine dell’Universo. Tutti vogliono vedere riconosciuta la propria individualità, ma il fulcro dei Power Rangers è che il loro potere si concentra nel gioco di squadra, senza fiducia negli altri la squadra non funziona”.

Ancora pochi giorni e potrai vedere lo scontro millenario tra Rita Repulsa e Zordon finalmente sul grande schermo. Dal 6 aprile in sala! Go, go, Power Rangers… cerca il cinema più vicino a te!